Imparare a soffrire

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Imparare a soffrire

Messaggio Da admin il Ven 29 Mar - 23:23

Imparare a soffrire

Nessun commento Per imparare a soffrire dobbiamo comprendere che dolore e sofferenza sono cose abbastanza diverse: il dolore ha a che fare con quello che sentiamo, la sofferenza con quello che scegliamo. La sofferenza è qualcosa che creiamo noi stessi, qualcosa che nasce dentro di noi, qualcosa che dipende da noi e non dal mondo esterno.

Siamo invece convinti di soffrire perché il nostro fidanzato ci lascia, perché abbiamo perso il lavoro, perché gli amici su cui facevamo affidamento ci hanno voltato le spalle, perché le cose non sono andate come ci aspettavamo, perché non abbiamo ottenuto quel lavoro, perché gli altri ci offendono e umiliano, perché siamo spesso soli, perché non abbiamo accanto qualcuno che ci ami, perché siamo poveri… in un solo post è impossibile scrivere tutte le motivazioni per cui crediamo di soffrire, ma la realtà è che noi soffriamo perché abbiamo scelto di soffrire.

Cercando di comprendere perché siamo infelici mi è apparso evidente un dato: siamo infelici quando ci opponiamo alla vita, quando la rifiutiamo, quanto la rinneghiamo e non scegliamo di vivere. La sofferenza è la stessa cosa, è la causa della nostra infelicità e deriva dal nostro rifiuto della vita.

La vita è cambiamento, trasformazione, imprevedibilità, creatività, coraggio, intuizione,scoperta, avventura, gioco, profumo, gioia, estasi. C’è anche dolore, pianto, crudeltà, insicurezza, ma solo se noi scegliamo queste cose. Purtroppo sono in molti a compiere questa scelta e ancora di più sono coloro che si adeguano finendo per credere che la vita sia sofferenza. Imparare a soffrire è un’idea provocatoria: imparare a soffrire vuol dire renderci conto che soffriamo solo perché ci opponiamo alla vita, niente di più.

Dobbiamo imparare che la vita scorre indipendentemente dalle nostre idee, dai nostri gusti o dai nostri bisogni;
dobbiamo comprendere che non siamo affatto il centro del mondo, né lo sono pretese o desideri, che la vita ha il suo cammino, che ci piaccia o no. Imparare a soffrire significa aprire gli occhi e notare che la sofferenza nasce dal rifiuto della realtà, quando ci opponiamo a quello che non ci piace invece di comprenderlo, quando rifiutiamo qualcosa invece di accettarla e cercare di migliorarla.

Quando i sogni e i desideri, la voglia di crescere e migliorare divengono pretesa che la vita si adegui ai nostri progetti, ecco che iniziamo a soffrire. La sofferenza non è per nulla inevitabile se ci rendiamo conto che dipende da noi e solamente da quello che pensiamo, dal nostro modo di vivere. Imparare a soffrire significa imparare ad amare e renderci conto che amando poniamo fine alla nostra sofferenza.

In realtà la sofferenza altro non è che la sopportazione di qualcosa di penoso nella nostra vita: se imparare a soffrire equivale a liberarci della sofferenza, allora impareremo davvero a farlo quando ci renderemo conto che nella vita, di penoso, non c’è nulla.

La vita è un viaggio ricco di sorprese: la sofferenza è il rifiuto di queste sorprese, la felicità è lo stupore meraviglioso per ognuna di esse.

Giacomo Papasidero http://www.tempovissuto.it/

admin
Amministratore e Step Sponsor
Amministratore e Step Sponsor

Messaggi : 892
Data d'iscrizione : 05.09.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum